Nati per Leggere è un programma nazionale di promozione della lettura rivolto alle famiglie con bambini in età prescolare, promosso dall’Associazione Culturale Pediatri, dall’Associazione Italiana Biblioteche e dal CSB Centro per la Salute del Bambino Onlus.
Il programma è attivo su tutto il territorio nazionale con circa 800 progetti locali che coinvolgono più di 2000 comuni italiani. I progetti locali sono promossi da bibliotecari, pediatri, educatori, enti pubblici, associazioni culturali e di volontariato.
Dal 1999, Nati per Leggere ha l'obiettivo di promuovere la lettura in famiglia sin dalla nascita, perché leggere con una certa continuità ai bambini ha una positiva influenza sul loro sviluppo intellettivo, linguistico, emotivo e relazionale, con effetti significativi per tutta la vita adulta.
Nel 2009 è stato istituito dalla Regione Piemonte il Premio nazionale Nati per Leggere. In collaborazione con la Città di Torino, il Salone Internazionale del Libro di Torino, il Coordinamento Nazionale Nati per Leggere e la rivista LiBeR, ha ricevuto il patrocinio del Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e il patrocinio della sezione italiana IBBY. Il Premio ha ricevuto inoltre la medaglia della Presidenza della Repubblica Italiana
Il Comune di Padova con le sue Biblioteche Civiche aderisce al progetto con iniziative e partecipazioni agli eventi del programma nazionale nella sede centrale e nelle biblioteche di quartiere.
2021

Nati per leggere. Una guida per genitori e futuri lettori

(da www.AIB.it)

nati_leggere_cop.jpgCosa posso leggere? Questa è la domanda più frequente che ci viene rivolta dai genitori ma anche dai volontari e operatori impegnati nella diffusione del programma Nati per Leggere. Oggi più che mai può essere complicato orientarsi nella molteplicità delle proposte editoriali per scegliere i libri destinati all’infanzia. A tutti loro, e soprattutto alle bambine e ai bambini, dedichiamo l’esito del lavoro di ricerca bibliografica di questi ultimi tre anni: oltre 200 libri selezionati dalla produzione italiana tra il 2018 e il 2020. La selezione è frutto del lavoro di esplorazione costante del mercato editoriale a opera dell’Osservatorio editoriale Nati per Leggere. Nella sua settima edizione la Guida bibliografica Nati per Leggere si presenta rinnovata graficamente e nella struttura dei contenuti proponendo una classificazione dei libri sia in base all’età di destinazione, sia in base al genere e alla tipologia. Rispetto alle scorse edizioni si è dato ampio spazio ai libri per bambini da zero a diciotto mesi, ritenuti talvolta troppo semplici e quindi non degni di considerazione, ma ora sempre più presenti sul mercato editoriale grazie a editori lungimiranti; l’editoria straniera ne propone autentiche perle, che si stanno sempre più affacciando anche nel nostro panorama.
Si è dato maggior risalto rispetto al passato alla nonfiction, cioè alla produzione di libri di tipo divulgativo, ma anche a libri interattivi, ludici, ricchi di artifici sorprendenti (come alette, fustelle, cursori, parti mobili, fori, finestrelle, flip-flap, pop-up) che stupiscono i più piccoli grazie a soluzioni cartotecniche originali e che rendono accessibili anche i primi concetti di inclusione, appartenenza, categorizzazione. È un settore che sta svelando libri splendidi, realizzati con creatività e originalità.
Alla narrativa è dedicata quasi la metà dei titoli presenti, suddivisi per età (una sezione riguarda specificamente le prime storie) e per contenuto: ci sono le storie avventurose, quelle fantastiche, quelle divertenti, le fiabe, i libri della buonanotte (praticamente un genere a sé, poco evidenziato eppure importante); non mancano gli albi illustrati narrativi in cui l’elemento figurativo ha un ruolo determinante se non addirittura predominante, come nei libri senza parole, e anche i metalibri, altro genere di recente diffusione, vale a dire libri che parlano di libri. Ogni sezione è strutturata in una prima parte introduttiva, una seconda di analisi di alcuni libri esemplari messi in primo piano e infine una terza in cui sfilano tutti gli altri titoli consigliati, sempre accompagnati dall’indicazione di età. La guida bibliografica è uno degli strumenti che Nati per Leggere mette in campo al fine di dar forma al sogno che da più di venti anni persegue: far sì che a tutti i bambini siano offerte pari opportunità nello sviluppo linguistico, cognitivo e relazionale, far sì che tutti possano godere di una crescita equilibrata; permettere di superare le disuguaglianze di tipo intellettivo è il modo migliore per attenuare quelle sociali. È ormai accertato l’effetto che la pratica della lettura precoce determina nell’acquisizione del vocabolario, nelle competenze cognitive e narrative, così che differenze importanti si imprimono già nei primi tre anni di vita del bambino tra bimbi esposti alla lettura rispetto a chi non lo è; in questo senso i genitori rivestono un ruolo importante, sono in assoluto i migliori mediatori tra il bambino e il libro.